La posa del pavimento

La posa in opera rappresenta uno dei passaggi più delicati.
L’incontro tra un buon prodotto e un bravo tecnico è la combinazione ottimale affinché la qualità emerga pienamente.
Grazie ai nostri posatori, esperti ed affidabili, la posa del vostro pavimento sarà sicura e di qualità, in linea con il valore della vostra scelta.

Tipi di posa:

  • POSA FLOTTANTE
  • POSA INCOLLATA
  • POSA INCHIODATA SU MAGATELLI

POSA FLOTTANTE

Sul massetto viene posizionato un materassino per limitare la risalita dell’umidità ed attenuare i rumori da calpestio. Il materassino può essere in polietilene espanso, sughero, cartone ondulato o lana, in base alle esigenze del cliente. Le tavole, rigorosamente a tre strati, vengono posate sul piano, spalmate di colla vinilica nel perimetro ed incastrate tra loro.

POSA FLOTTANTE

MATERASSINO

PRESTAZIONI

BASIC Polietilene
TOP Tappetino in sughero 2 mm o cartone 3 mm – Assorbimento acustico
– Isolamento termico
– Naturale a impatto zero
DELUXE Tappetino in sughero 3 mm o lana 3 mm – Assorbimento acustico
– Isolamento termico
– Naturale a impatto zero
– Protezione del pavimento per eventuale continuazione dei lavori

Volete 10 buoni motivi per scegliere la posa flottante?

  1. VELOCITÀ nei tempi di posa e nella fruibilità del pavimento. Un pavimento flottante è immediatamente calpestabile ed elimina i tempi di attesa di asciugatura della colla.
  2. PRESERVAZIONE DEL PAVIMENTO ORIGINALE: immaginiamo di avere un pavimento di valore che tuttavia non crea armonia al nuovo arredo o di essere in una casa in affitto dove il proprietario non vede di buon occhio la posa di un nuovo pavimento in quanto andrebbe ad intaccare quello preesistente, questo sistema permette di eliminare tali problematiche. Il limite è nel taglio di porte e stipiti, una volta rimosso il parquet vi saranno da riallineare porte e finestre, questa problematica è totalmente risolvibile  nella maggior parte dei casi.
  3. MAGGIOR EFFETTO ISOLANTE del nostro pavimento: con una posa flottante il pavimento rimarrà più caldo rispetto alla posa incollata. Fra il sottofondo e il pavimento si creerà una camera d’aria che permetterà un maggiore isolamento. Tale caratteristica potrà essere ampliata da speciali materassini.
  4. Perfetta COMPATIBILITÀ con i sistemi di RISCALDAMENTO A PAVIMENTO. A differenza del pavimento incollato impiegherà qualche ora in più per raggiungere la temperatura ottimale per poi stabilizzarsi (tempo che verrà recuperato in fase di spegnimento), col vantaggio di non respirare le esalazioni tossiche del surriscaldamento della colla. Il riscaldamento a pavimento non crea problemi al pavimento flottante e viceversa.
  5. MAGGIORE ELASTICITÀ al calpestio: il nostro pavimento, anche se in maniera non visibile, ammortizzerà i nostri passi, questa caratteristica di caldo e morbidezza è molto consigliata se si hanno bambini piccoli, si rimane molto tempo in piedi o se si è abituati a camminare scalzi per casa.
  6. RIUTILIZZO DEL PAVIMENTO: anche se le parti perimetrali non saranno riutilizzabili potremo comunque recuperare buona parte del nostro articolo.
  7. FACILE SOSTITUZIONE, nel caso di danni al pavimento, anche solo di una parte di esso.
  8. ADATTABILITÀ maggiore a variazioni di temperatura ed umidità. La caratteristica di non essere incollato al pavimento permette al medesimo di non creare tensioni. Il legno ad esempio, è un materiale vivo che risente delle variazioni dell’umidità. Nel caso di variazioni igroscopiche a causa dei limiti di elasticità della colla il parquet si solleverà definitivamente distaccandosi.  Nel caso di un pavimento flottante invece vi sarà una dilatazione seguita da un ripristino delle dimensioni originali mantenendo intatto il pavimento, nel caso di una posa in opera adeguata.
  9. EFFETTO ACUSTICO ovattato. A monte di tutto ci deve essere una buona struttura del pavimento e una posa stabile e di qualità. Anche la scelta di un materassino fonoassorbente può fare la differenza riducendo di molto il suono del calpestio rispetto al pavimento incollato.
  10. SALUBRITÀ: la posa flottante, non introducendo colle tossiche sotto il pavimento, evita l’utilizzo di prodotti chimici pericolosi contribuendo a rendere più sano l’ambiente domestico.

POSA INCOLLATA

Le tavole, in legno massello o a due strati o a due strati, vengono incollate sia fra loro che al supporto esistente. Questo tipo di posa è stabile e adatta per il riscaldamento a pavimento ( anche se il calore potrebbe far evaporare le colle), però prevede l’uso di collanti potenzialmente nocivi (anche i collanti all’acqua contengono conservanti chimici), ha dei tempi di attesa prima dell’utilizzo e non facilita gli interventi in caso di rimozione per danni o trasferimenti.

POSA INCOLLATA

CERTIFICAZIONE

DATI

BASIC nessuna E90 Carver
TOP EC1 Epocol PLUS Carver
DELUXE EC1 PLUS ONE SIL PLUS Carver

POSA INCHIODATA SU MAGATELLI

Prevede l’utilizzo di un pavimento con spessore di almeno 20 mm. Su un supporto costituito da magatelli, si avvitano le tavole mantenendo un inclinazione di 45° dei chiodi.

IN CASO DI POSA SU RISCALDAMENTO A PAVIMENTO:

E’ importante valutare l’impianto e il rivestimento in legno più adatti in funzione delle condizioni in cui vengono installati. Un recente progetto di ricerca sviluppato da Fiemme Tremila con aziende leader del settore, dimostra come i pavimenti in legno Fiemme Tremila siano perfettamente compatibili con i sistemi di riscaldamento a pavimento, preservando la resa dell’impianto e la bellezza delle tavole. Sarà nostra cura fornire all’impiantista il valore di resistenza termica del pavimento e dell’eventuale materassino con cui verrà tarato l’impianto.

Consigliamo la posa flottante con idoneo materassino in quanto garantisce la resa dell’impianto, riduce la possibilità di fessurazioni e non prevede l’uso di prodotti chimici.